Perché è nata Seconda Colazione?

Com’è nata SC? Perché avevo fame.

Avevo fame e volevo scrivere, ma la mia fame prevaricava il pensiero. Mi sono ritrovata a scrivere bozze su una pagina WordPress senza titolo, senza foto, senza niente.
Questo alla prima colazione.
Tornata da una passeggiata, mi sono fiondato ad una seconda abbuffata (due ore di camminata hanno saputo bruciare anche quel residuo di biscotto che avevo divorato precedentemente). Ed ecco che la seconda colazione mi ha svegliata fuori. Ecco il perché del nome.

All’inizio doveva essere una valvola di sfogo, il mio diario online dove scrivere quello che mi pareva. Nessuna struttura, nessuna linea guida. Scrittura creativa, quotidiana, pensieri, stream of consciousness random e trasformazione del pensiero in una pagina virtuale. Ma tutto lasciato al caos.

Non volevo una struttura perché richiedeva impegno (che al momento voi non potete vedere, ma implica una innumerevole casella di bozze piena di post pronti ad uscire).
Non volevo una guida per scrivere perché volevo essere libera.
Ma poi il risultato è stato altrettanto caotico.

SC non aveva un’identità. Non aveva una
forma. Non era in grado di portare avanti quel senso di libertà che volevo comunicare. C’era solo casino ed era veramente brutto.
Io volevo comunicare (cosa che vocalmente a volte sono restia ad esplicare).

Mi apparteneva sicuramente, ma non era qualcosa che potevo mostrare in giro.
Così mi sono messa un giorno davanti al pc e ho iniziato a pensare a tutte quelle storie e quei racconti che avevo raccolto in questi anni, a cosa avevo scritto più spesso, a che format ho utilizzato più spesso e ho scritto tutto su un foglio.

Sono rimasta a contemplare la parabola del mio desiderio di scrivere, che partiva da un semplice racconto fantasy, ad un piccolo romanzo su quanto possa essere speciale anche la quotidianità della vita se vista da una creatura minuscola.
Così ho iniziato a portare su SC le bacheche che reputano di poter proseguire anche online.

Prima di tutto sono partita dai libri, dai film è in seguito ho integrato anche le fantasie sui viaggi (se di persona non potevo farli) e, infine, ai daily post.
Non tutto ha mantenuto la continuità che speravo di avere, ma dovevo scegliere: o mangiavo o scrivevo. E tornata da lavoro è molto più facile fiondarsi sul cibo che pensare a cosa scrivere.

Alla fine con Seconda Colazione ho capito cosa mi piace scrivere, quando riesco a farlo e come farlo.
Seconda Colazione è nata per raccontare storie. Che siano post quotidiani o attività da svolgere, report sui libri o stream of consciousness, il racconto raccoglie tutta SC in questa piccola schermata che notate.

collection_01

Lo step successivo sarà darle un’immagine più coerente con la sua anima.

Lo step successivo sarà creare il vero SC, come lo sto immaginando dal suo primo anniversario.

Lo step successivo sarà renderlo un buffet come quando si è tavola.

Quindi perché e come è nata Seconda Colazione?
Per dare vita (si spera) ad un progetto molto più grande, senza una vera struttura iniziale, ma che farà da base a tutto il resto che deve ancora arrivare.

Per ora, con i crampi della fame, in viaggio verso Milano, SC vi saluta e spera che almeno voi possiate fare una seconda colazione degna del suo nome

Annunci

Pubblicato da

Scrivo cose, ne leggo altre, sogno di spendere tutti i miei soldi su Amazon e di vivere tra immensi scaffali di libri. Ho sempre fame e non sopravvivo senza la seconda colazione o un buon libro

Una risposta a "Perché è nata Seconda Colazione?"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...